Una interessante brianzola.

Salve o appassionati birrofili,

la birra di cui vi voglio parlare oggi è frutto di un dono da parte di un mio collega che ringrazio. La birra in questione è prodotta dal Birrificio Rurale di Desio.

Il birrificio nasce inizialmente a Pavia nel 2009, dalla passione di 5 amici amanti dell’augusto nettare. Pian piano il progetto è cresciuto e ha portato i 5 colleghi a spostarsi,

nel 2013, a Desio nel cuore della Brianza. Anche in questo caso uno dei fondatori è un Ingegnere informatico, che il karma mi stia mandando un messaggio??

Ad ogni modo in breve tempo, il birrificio ha ottenuto sempre maggiore attenzione portando anche numerosi premi per le birre prodotte. Una bella realtà italiana quindi, che vi consiglio quanto meno di esplorare.

Ma veniamo alla birra in esame. Parliamo oggi della 3° Miglio, una APA decisamente notevole.

3° Miglio

Questa birra si presenta immediatamente con un profilo di tutto rispetto in quanto ha vinto, al concorso Birra dell’Anno promosso da Unionbirrai del 2010, il primo posto nella

3° Miglio

3° Miglio

categoria “Birre ad alta fermentazione tra i 12° e 16° Plato” (per chi non lo sapesse i gradi plato misurano la densità di saccarosio, cioè di zucchero, nella birra). Quindi con grande rispetto mi appresto all’assaggio.

A naso si avvertono degli intensi sentori di agrumi che invitano subito all’assaggio. La schiuma ha una buona corposità, ed anche la carbonatazione non è eccessiva.

In bocca gli aromi si mischiano inizialmente a delle note maltate per poi passare prepotentemente la mano ad un gusto amaro intenso e avvolgente dato dall’abbondante luppolatura. Il retrogusto rimane intensamente amaro e pulito ed invoglia “pericolosamente” ad una ulteriore bevuta. Dato il mio amore per questa tipologia di birra, non posso non apprezzare la 3° Miglio, sicuramente da non perdere per gli appassionati delle APA. Se devo trovare un difetto è che si trova solo nel formato da 33cl in bottiglia (la potete anche acquistare nei fusti da 20, 25 e 30 litri, ma quello è alcolismo :))

Date le premesse non mi resta che provare anche le altre birre di questo ottimo birrificio. Nel frattempo… buona bevuta a tutti!!!

Tipologia APA
Colore Dorato chiaro
Gradi 5,8%
Temperatura 10-12°C

Sito Web:  http://www.birrificiorurale.it/

Facebook: https://www.facebook.com/BirrificioRurale/

Una gita nel Suffolk

Salve cari,

oggi vi voglio parlare di due birre d’Oltremanica: la Yard Bird Pale Ale e la Double Hop Monster IPA entrambe del birrificio Greene King.

Il birrificio in questione è uno tra i maggiori in UK e probabilmente il più grande della regione del Suffolk, noto alla cronaca inglese soprattutto per il grande numero di acquisizioni di birrifici (e catene di pub annessi) del Regno Unito. Ma andiamo ad analizzare le due birre in questione

Yardbird Pale Ale

20160302_215544

Yardbird Pale Ale

E’ una birra che è stata dedicata al noto jazzista americano Charlie “yardbird” Parker. Si presenta con un colore ramato molto intenso e una schiuma compatta di un colore bianco intenso.

I profumi sono poco marcati e lievemente fruttati e si apprezzano solo ad una temperatura di servizio di circa 10-12 gradi. Il gusto inizialmente maltato, lascia subito spazio all’amaro dei luppoli. Ha una media carbonatazione e il finale rimane amaro anche se non particolarmente marcato.

In finale si tratta di una birra molto beverina, grazie anche alla gradazione (4%) che si sposa bene con le carni bianche e qualche salume.

Personalmente non sono rimasto particolarmente colpito da questa birra sicuramente interessante, ma non abbastanza da uscire dalla mischia. Può essere un buon passatempo per una calda serata estiva.

Tipologia American Pale Ale
Colore Ambrato
Gradi 4%
Temperatura 10-12 °C

 

Double Hop Monster IPA

Double Hop Monster IPA

Double Hop Monster IPA

Ecco una birra che ha un nome altisonante che richiama alle grandi IPA americane. Si presenta con un colore ambrato molto limpido e una schiuma bianca cremosa e poco persistente.

L’aroma è lievemente fruttato, ma molto poco incisivo. Anche qui come la piccola sorella descritta sopra l’attacco è leggermente maltato e subito dopo si avvertono i luppoli, anche se non si palesano in modo particolarmente estremo.

Una buona carbonatazione caratterizza questa IPA insieme ad un finale amaro e leggermente speziato.

La gradazione sebbene importante (7,2%), non si avverte completamente. Si sposa bene con i fritti e con le carni bianche a mio parere.

Anche in questo caso si tratta di una birra interessante, ma non eccezionale in particolare perché il decantato gusto luppolato è presente ma non realmente incisivo.

Tipologia Double IPA, IPA
Colore Ambrato/Ramato
Gradi 7,2%
Temperatura 7-8 °C